Si è tenuto ieri nella sede dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli di Stato l’hearing “Rimozione di siti web e annunci online con offerta o pubblicità di tabacchi, PLI e PAT”. 
Il momento si è sviluppato alla presenza del Direttore generale, Marcello Minenna.
Hanno partecipato all’incontro le società del comparto tecnologico Amazon, eBay, Meta (Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger) e TikTok.

L’incontro - fanno presente dall'Agenzia fiscale - è stato finalizzato alla promozione del rapporto di collaborazione e massima compliance per il rispetto della normativa di settore a tutela del diritto alla salute pubblica e dei minorenni, in ottemperanza al divieto di vendita e pubblicizzazione dei prodotti del tabacco, in primis ai minori, con specifico focus sul regime dei liquidi da inalazione, dei prodotti accessori e dei così detti “nuovi prodotti” con nicotina.
I temi dell’incontro sono stati condotti in ordine alle competenze assegnate dal legislatore all’Agenzia, che è chiamata a perseguire le attività illegali, ordinando a coloro i quali forniscono servizi telematici la rimozione delle iniziative di offerta e di pubblicità di prodotti o servizi non conformi alla normativa del settore (articolo 102, comma 1, del Decreto legge 104/2020).

L’illustrazione della disciplina, ad opera del Dirigente dell’Ufficio Controlli della Direzione Accise Tabacchi, Walter Spinapolice, ha consentito di chiarire alcuni profili tecnico-operativi e prevenire criticità applicative.
"Tutte le società intervenute - viene spiegato in conclusione dalla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli - hanno apprezzato l’iniziativa di ADM, che per la prima volta affronta la tematica con le maggiori piattaforme digitali e canali social. L’evento, volto alla maggior sensibilizzazione e alla piena condivisione, si è concluso con l’intendimento dichiarato delle società intervenute di rendersi disponibili ad attuare in maniera efficace e tempestiva le norme in discussione, con spirito risolutivo e ampia collaborazione verso Adm".