Fervono i preparativi a Padova per la nuova edizione - la sesta - del Vaping Expo, fiera dello svapo che, quest'anno, è alla sua prima nella città veneta.
Una scelta non casuale quella legata alla location dell'appuntamento 2022 atteso come la specifica area geografica sia quella a maggiore concentrazione per quanto riguarda i consumi di prodotti del vaping.
Sabato 26 e Domenica 27 Novembre, quindi, appuntamento presso la "Fiera di Padova" per un momento che si preannuncia già essere da tutto esaurito.
Sono oltre novanta gli espositori che faranno bella mostra di se presso i 10.000 metri quadri di padiglione con una significativa presenza di imprenditori che arriveranno dall'Estero - forte la componente cinese.
Nell'ordine delle migliaia i "privati" che si sono già registrati con un ritmo che si sta intensificando, in tal senso, nelle ultime ore.
"Vaping Expo Padova - commentano dall'organizzazione - garantirà un’offerta ampia e variegata, per intercettare il mutato gusto e la mutata domanda dei visitatori e per avvicinare anche un nuovo tipo di pubblico, che magari si affaccia per la prima volta all’universo del vaping".
"Il fumatore che parteciperà per la prima volta all'evento di Padova - viene infatti spiegato - troverà all'ingresso del padiglione, uno stand per l'assistenza, il percorso, i consigli e le informazioni riguardanti un'eventuale passaggio dalla "combustione all'inalazione".
I principali brand del settore saranno presenti nel contesto padovano ponendosi l'evento non solo come luogo di marketing ma anche come di confronto tra gli addetti ai lavori.
Non mancheranno gli angoli di approfondimento con due talk che coinvolgeranno esponenti della politica, dell'imprenditoria dello svapo e della scienza: uno, nello specifico, riguarderà la prossima approvazione del Bilancio di previsione con annessa speranza di un dietrofront rispetto alle precedenti deliberazioni governative; L'altro, ancora, il fenomeno delle sigarette elettroniche usa e getta con un particolare riferimento al fenomeno del contrabbando.