Nessuno vi può multare se fumate alla guida o, allo stesso modo, se svapate.
Non vi è alcuna previsione del Codice della Strada, infatti, che va a punire queste condotte anche se l'auto è in marcia.
Rispondiamo al preciso quesito di un nostro lettore riaffrontando una questione che già avevamo trattato attraverso le colonne di questa testata.
La domanda, in effetti, che ci pone il nostro "seguace" non è, di concetto, infondata "Se è vietato usare il cellulare alla guida, non dovrebbe essere la stessa cosa anche per chi fuma o svapa?".
Come detto, il principio del quesito è quanto meno appropriato: se l'uso del cellulare da parte del guidatore è vietato dal momento che distoglie dalla guida e sottrae una mano al controllo del mezzo, non dovrebbe essere la stessa cosa anche per altri dispositivi?
In effetti, dovrebbe. Ma non è.
Ora come ora, quindi, guidare con una sigaretta alla mano non espone ad alcun rischio di sanzione.
Tuttavia, se si fuma all'interno dell'automobile in presenza di una donna incinta o di bambini di età inferiore ai dodici, si è in sanzione: in questo caso, però, la multa non riguarda solo l'austista ma qualunque occupante dell'automobile, anche se il veicolo è in sosta e a motore spento.
Quest'ultima fattispecie, che, comunque, non tocca la sigaretta elettronica, attiene non ad un discorso di sicurezza alla guida bensì ad uno di tutela di fasce delicate (donne incinte e bambini, appunto) dal fumo passivo.
Con riferimento al Codice della Strada, invece, nessuna limitazione, sebbene della introduzione di un divieto di fumo/svapo al guidatore si era discusso negli scorsi mesi, senza che però la proposta approdasse in porto.
Ovviamente, per rispondere al nostro lettore, nessun timore di multa ma, dove la legge non arriva ancora, deve arrivare il buon senso: quando si è alla guida, si guidi e basta.